Honorable principal and fellow students. Siamo i 7 ragazzi che hanno partecipato ad IMUN 2016, progetto che si basa sulla  simulazione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, nel quale studenti pro venienti da ogni parte del mondo approfondiscono e si confrontano sui temi oggetto dell’agenda politica internazionale indossando i panni di ambasciatori e diplomatici. Ad ogni studente viene assegnato un paese sul quale dovrà documentarsi tenendo conto del topic, ovvero l’argomento, da trattare. Obbiettivo della simulazione è creare alleanze con stati che hanno lo stesso punto di vista riguardo il proprio topic e scrivere una risoluzione che poi dovrà essere votata all’assemblea finale.

Progetto-IMUN_2

È un progetto che permette un arricchimento personale sia dal punto di vista culturale, poiché si discutono problemi a livello umanitario, che da quello linguistico, poiché l’intera simulazione si svolge in lingua inglese. Il primo giorno del progetto era dedicato alla cerimonia d’apertura. Con tutti i ragazzi partecipanti ci siamo riuniti all’Auditorium della Conciliazione, eravamo circa 2500, l’edizione di IMUN più numerosa. Dopo averci spiegato l’importanza e l’utilità del progetto, abbiamo ufficialmente dato inizio alla simulazione con la votazione classica dei deputati.  Quindi, ogni ragazzo poteva esprimere il proprio voto sulla mozione proposta, alzando la plackard , su cui era scritto il nome dello stato assegnato. I giorni seguenti, realmente dedicati alla simulazione, siamo stati divisi in gruppi cioè commissioni e ospitati in luoghi diversi.

Progetto-IMUN_1

Il nostro gruppo si è recato alla Protomoteca del Campidoglio. In questo luogo, non eravamo più dei ragazzi del liceo che devono studiare per andare bene ai compiti in classe, ma eravamo in tutto e per tutto ambasciatori, ognuno di uno stato. Per tre giorni consecutivi abbiamo lavorato, a porte chiuse e parlato solo in inglese, per esporre le proprie idee e per cercare di risolvere un attuale problema di livello mondiale. Quindi abbiamo formato alleanze e dopo esserci confrontati, abbiamo scritto le risoluzioni definitive, per arrivare infine alla votazione, alzando proprio la plackard. L’ultimo giorno ci siamo nuovamente riuniti, tutti i 2500 ragazzi, all’Auditorium della Conciliazione, per presentare la risoluzione, votata precedentemente nelle singole commissioni, alle “Nazioni Unite”rappresentate da tutti i ragazzi delle altre commissioni. Infine c’è stata l’ufficiale chiusura della sessione con la votazione finale della mozione proposta. Concordiamo che questa esperienza ci ha coinvolti particolarmente, sia collettivamente con la simulazione che a casa con il lavoro individuale, aiutandoci a prendere coscienza delle problematiche di alcuni paesi. Infine ci ha suggerito nuove prospettive per la scelta di un eventuale indirizzo di studio dopo il liceo.

  1. Progetto-IMUN


Gabriele        Savinetti
Elisabeta       Martole
Camilla         Fiore
Gabriele        Avellini
Giulia          Monzi
Siria           Ciccone
Uthsha          Khondaker       Rahman
Giulia          De Angelis
Daniele         Cosmi
Sofia           Loiacono
Adriano         Pacciarelli
Emma            Ramacciotti